Alessia's ideas

Compro altro momento della mia vita

Il rinnovamento è quasi giunto! Ormai i pochi sostenitori del 2012 stanno mollando la presa… e se dopo non accadesse nulla? E se le buone speranze e i buoni propositi si spegnessero insieme alla fiammella di una candela?
Fatto sta che io cerco di non pensare. Ho troppo davanti per vedere il futuro.
E’ come se ogni giorno che passa riuscissi a sentire il peso dell’aria sopra la mia testa e bruciarmi per il sole coperto dalle nubi. A furia di navigare tra i pensieri l’abbonamento alla rete me lo passano gratis…

Cerco di trovare la mia primavera e volare via! Forse qualcosa là fuori mi attende più di quello che posso immaginare. O almeno è bello pensarla così. Per colorare i minuti, distribuire meglio le ore, dimenticarsi dei giorni.

Ho deciso di pensare di più alla musica. Compagna di.. di una sola avventura in realtà: la mia! Tu che mi hai sostenuto prima della maturità. Tu che hai trovato sempre il momento per me. Che non mi hai mai lasciata sola. Che eri con me anche mentre dentro pioveva. Tu hai capito per prima che i problemi si risolvono affrontandoli. Che la paura non esiste. Tu che sapevi precisamente qual’era il momento giusto per un pò di silenzio. Che hai reso il mondo meno forte di quello che appare. Che hai cercato di cacciare la mia vergogna. Mi hai costretto a muovere il culo. Hai viaggiato con me. Tu che mi hai sostenuta nei momenti più duri e in quelli più seccanti. Mi hai teso la mano quando ne avevo bisogno. Mi hai fatto ballare e cantare. Tu che mi hai mostrato la vita da un finestrino: elogiandone i pregi e suggerirmi come combattere i difetti.

Sto stagnando. Letteralmente. Non trovo stimolo per me. Non trovo un punto di riferimento.

Oddio! Forse sono diventata stupida anche io… Forse meglio così. L’unico problema è che per essere stupida fino in fondo dovrei anche allentare le mie preoccupazioni.

Stagnare ok. Ma diventare rana è tutta un’altra faccenda!

D’improvviso si aprì un grande tendone. Ci entrai. Nessuno spettacolo in programma. Solo un uomo seduto nelle prime file. Osservava il vuoto. Ma ad un tratto si voltò. Tremavo dall’emozione: <<Preparati! Fra un’ora entri in scena!>> Mi disse.. e fece un grande e coinvolgente sorriso! Un mago! Ecco cos’era! Ed io invece un pezzo della scaletta. Era il mio turno e l’avevo preso in tempo, e l’avevo capito!
Per ora spengo il canale Cervello. Domani sarà più promettente!

In piedi tutti! Se il sole è nascosto dietro le nuvole forse è il caso di alzarci sulle punte!

Possibile che la sofferenza non decide di mollarci fino a quando non siamo noi a buttarla per terra, metterle un piede in faccia e puntarle una pistola alla testa?

Non reggo ragazzi! Non c’è nessuno che mi da una risposta? Un segno? Mi va bene anche un biglietto sola andata per il mondo che vorrei…

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...